Festival Emozione e Lavoro

Coming soon

L’emozione della grande musica nei luoghi dell’archeologia industriale – La Nuova orchestra Ferruccio Busoni con il contributo del Ministero della Cultura – Direzione generale dello Spettacolo,  la Regione Friuli Venezia Giulia, Turismo FVG, il Comune di Trieste, il Comune di Monfalcone, il Comune di Montereale Valcellina e l’Associazione Fadiesis di Pordenone intende realizzare una serie di concerti in alcuni luoghi caratteristici dell’archeologia industriale della nostra regione che sono di grande interesse storico, culturale e turistico: il Porto Vecchio di Trieste, il MuCa – Museo della Cantieristica di Monfalcone (GO) e la Centrale Idroelettrica di Malnisio (PN).

Porto Vecchio di Trieste – Il Porto Vecchio di Trieste con Decreto del Soprintendente Regionale per i Beni e le Attività culturali del Friuli Venezia Giulia l’immobile è stato dichiarato “di interesse particolarmente importante e ospita strutture completamente ristrutturate come il MAGAZZINO 26, la CENTRALE IDRODINAMICA con i suoi bellissimi antichi macchinari e la SOTTOSTAZIONE ELETTRICA. Nel Porto Vecchio le strutture portuali, magazzini, hangar, la centrale idrodinamica con la loro tipologia costruttiva, le gru, le attrezzature elettromeccaniche, gli apparecchi trasportatori ed i silos, sono ancora visibili, anche se non più operanti e testimoniano un aspetto essenziale della Città e della sua funzione commerciale ed imprenditoriale dell’800 e del primo 900. L’edificio della centrale idrodinamica ospiterà il Polo museale del Porto Vecchio e l’Istituto di cultura storica e di formazione marittima portuale rappresentando un pregevolissimo esempio di restauro conservativo pressoché unico in un paese come l’Italia.

Muca, Museo dei Cantieri Navali di Monfalcone – Il Museo ha sede al pianterreno dell’ex Albergo operai del Villaggio di Panzano, la “company town” cresciuta negli anni ’20 del ’900 attorno al cantiere navale su iniziativa dei primi proprietari, i Cosulich. Il Museo racconta la storia del cantiere e della città. Posizionato accanto ai cantieri in cui tuttora si costruiscono le navi da crociera più belle del mondo, inserito nell’affascinante contesto della “città-giardino” di Panzano, il Museo consente un’esperienza coinvolgente in una realtà industriale produttiva e viva.

Luogo – Museo della Centrale di Malnisio e Science Centre – La centrale idroelettrica “Antonio Pitter” di Malnisio in provincia di Pordenone è uno splendido esempio di archeologia industriale riconvertito in Science Centre dove è possibile ripercorrerne la storia e comprenderne il funzionamento. Situata nel contesto naturale della pedemontana pordenonese, si inserisce in un sistema di impianti per lo sfruttamento idroelettrico del torrente Cellina, realizzato agli inizi del ‘900. In funzione dal 1905 la Centrale chiude nel 1988, mantenendo tutti i macchinari perfettamente intatti e conservati. Il Comune di Montereale Valcellina, acquisitane la proprietà, ha potuto iniziare l’intervento di recupero grazie a finanziamenti della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e della Comunità Europea, ma anche grazie all’associazione di ex dipendenti della Centrale. Fin dal principio, è stato affidato all’Immaginario Scientifico. Dal 2017 è tornata sotto la gestione del Comune di Montereale Valcellina.

20 FEBBRAIO, ore 11:00

Sala Luttazzi, Trieste

Nuova Orchestra Ferruccio Busoni
Massimo Belli, direttore
Alexander Gadjiev, pianoforte

Aleksander Gadjiev, vincitore del Concorso di Sydney 2021 e del Secondo Premio al Concorso Chopin 2021

Musiche di Chopin, Čajkovskij e Busoni.